Zero waste : negozio di prodotti ecoresponsabili e riutilizzabili

(8h30-18h30 da lunedì a venerdì)
  1. Home
  2. Negozio Zero Déchet
  3. Alimentazione
  4. Pasta

Pasta

Piace ai grandi e piccini, è adatto sia per gli atleti di alto livello sia per le serate con gli amici davanti a un buon film, è economico, facile da preparare e particolarmente presente nella gastronomia cinese e italiana. Ecco a voi... la pasta! Esistono decine di varietà di pasta, in diverse forme e composizioni. Ecco una breve panoramica di questo alimento essenziale.

Ma allora chi ha inventato la pasta?

Molti pensanovo che la pasta fosse stata inventata in Cina, e introdotta in Italia da Marco Polo al ritorno dal suo viaggio in Asia alla fine del XIII secolo. Tuttavia, questa bella storia è probabilmente solo una leggenda inventata da un pasticciere americano, raccontata in una pubblicità su un giornale e poi ripresa al cinema.

Infatti, anche se la pasta fatta con la farina di miglio esisteva già in Cina al momento dell'arrivo di Marco Polo, ed era lì dal 2000 a.C., era già presente in Italia al suo ritorno. In realtà sarebbe stata introdotti nella Penisola dagli Arabi nel IX secolo, durante l'invasione della Sicilia.

Indipendentemente da come è arrivata in Italia, la pasta ha origini molto più antiche. La coltivazione del grano iniziò in Mesopotamia intorno al 9600 a.C. e tracce dell'esistenza della pasta sono state trovate in un trattato culinario mesopotamico risalente al 1700 a.C..

Nell'antichità i romani mangiavano sfoglie di pasta che assomigliavano un po' alle lasagne, anche se venivano cotte direttamente sul fuoco e non in acqua bollente. Per quanto riguarda le tagliatelle, si dice che siano state inventate nella Persia pre-islamica.

Secoli dopo, nel 1740, fu fondato il primo pastificio in Italia, più precisamente a Venezia.

Come si fa la pasta?

La pasta più consumata è quella di semola di grano duro e acqua. Quando viene realizzata in fabbrica, il processo è quasi completamente automatizzato. La semola di grano duro viene dapprima trasferita con acqua in un'impastatrice fino ad ottenere una pasta liscia e soda.

La pasta passa poi, a seconda della forma desiderata, attraverso un laminatoio dove viene appiattita tra due cilindri (è il caso, ad esempio, delle lasagne e delle tagliatelle) o attraverso un estrusore dal quale esce in forme diverse (spaghetti, maccheroni, fusilli, ecc.). La pasta viene poi essiccata ad una precisa temperatura e umidità.

Quali sono i diversi tipi di pasta?

Ci sono più di 400 forme di pasta, quindi sarebbe impossibile elencarle tutte. Le diverse forme non sono solo per motivi estetici, ma anche di gusto. Infatti, a seconda della loro forma e della loro consistenza (rigata o liscia), sono progettati per essere serviti con salse più o meno spesse.

Ad esempio, la pasta lunga e sottile come gli spaghetti o i capellini si sposa molto bene con i sughi leggeri, mentre la pasta a forma di nastro come le tagliatelle è perfetta per i sughi più ricchi. La pasta tubolare è fatta in modo che il sugo si inserisca all'interno e, quando viene rigata come i rigatoni, si assorbe più facilmente.

Ci sono 6 categorie principali di pasta:

  • Pasta tubolare: si tratta di penne, maccheroni e rigatoni.
  • Pasta corta: questa categoria comprende farfalle, fusilli, cavatelli e conchiglie.
  • La pasta lunga e sottile, detta anche "bastoncini" o "fili", comprende spaghetti, capellini, vermicelli o capelli d'angelo.
  • Nastri di pasta: si tratta di tagliatelle, lasagne, linguine e fettuccine.
  • Pasta piccola: esempi sono ditalini, anelli, corallini o farfalline.
  • Pasta ripiena: esempi sono gli agnoloti, i tortelli e i ravioli.

Quali ingredienti si possono usare per fare la pasta?

Mentre la pasta italiana è tradizionalmente fatta con il grano, esistono alternative particolarmente interessanti per chi segue una dieta senza glutine.

Per esempio, ci sono paste fatte con farina di riso, quinoa, mais, lenticchie, ceci, soia o fagioli neri. Alla farina e all'acqua vengono talvolta aggiunti chicchi di riso o semi di lino per facilitare la preparazione e la lavorazione dell'impasto. Si possono cuocere come pasta di grano in pochi minuti in acqua bollente.

La pasta a base di farine di leguminose ha il vantaggio, oltre ad essere senza glutine, di essere ricca di fibre e di avere un indice di sazietà migliore rispetto alla pasta con semola di grano.

Privilegiamo prodotti e alimenti che siano sani e rispettosi sia dell'uomo che dell'ambiente. Per questo motivo ci sforziamo di selezionare pasta proveniente da agricoltura biologica e commercio equo e solidale.

Quali sono i vantaggi della pasta?

Naturalmente sappiamo che la pasta è economica, facile da preparare e che piace a grandi e piccini. Ma quali sono i loro vantaggi? Qual è il suo valore nutrizionale?

La pasta è spesso considerata un alimento calorico. Tuttavia, 100 grammi di pasta contengono in media solo 130 calorie. Quindi non è la pasta in sé ad essere calorica, ma i contorni. Per esempio, una porzione di 25 grammi di burro da sola contiene 190 calorie, e 50 grammi di formaggio groviera da solo contiene circa 190 calorie. Potete quindi triplicare molto rapidamente il contenuto calorico della vostra pasta se la accompagnate con ingredienti troppo ricchi. Un piccolo cucchiaio di sugo al pomodoro sarà sempre molto meno calorico di un cucchiaio di crème fraîche, per esempio.

Un altro vantaggio: hanno un basso indice glicemico, inferiore a 50. Per informazione, l'indice glicemico di un alimento varia da 0 a 100, essendo 100 il glucosio puro. Al di sopra di 70, l'indice glicemico è considerato alto. Un alimento con un basso indice glicemico rilascia lentamente i carboidrati nel flusso sanguigno e non provoca un picco di insulina, di solito seguito da ipoglicemia, che può manifestarsi come desiderio o un improvviso calo di energia. I carboidrati della pasta sono contenuti nell'amido: più cuociono, più amido rilascia e più alto è il suo indice glicemico. Si consiglia quindi di mangiarla al dente.

La pasta è anche ricca di magnesio, fosforo e vitamina B. La pasta è ancora più sana quando è integrale: nel caso della pasta di grano, la farina utilizzata è integrale perché si ottiene dal grano integrale, contenente sia il germe che la crusca. La pasta integrale è più ricca di fibre, vitamine e minerali e ha un indice di sazietà più elevato.

Come si può integrare la pasta in una dieta equilibrata?

Avete capito che la pasta non è nemica di una dieta equilibrata, anzi, al contrario. Tutto quello che dovete fare è rispettare alcuni semplici principi per evitare di abusare di questo ingrediente ed evitare di fare ricette troppo ricche.

Quindi, idealmente, è meglio non mangiare la pasta più di due o tre volte alla settimana, o alternare la pasta di grano duro con la pasta fatta con le farine di legumi, per esempio. Si possono anche preparare "paste di verdure", come le zucchine o le lenticchie, che piaceranno a grandi e piccini.

Pensate anche alle quantità, e scegliete sempre una miscela di verdure e alimenti amidacei. Il vostro piatto di pasta sarà più equilibrato e altrettanto delizioso se contiene una buona quantità di verdure fresche. Evitare il più possibile le salse industriali, spesso troppo salate, troppo ricche e ricche di additivi e conservanti.

Cucinare una buona salsa di pomodoro fatta in casa con pomodori freschi, prezzemolo, aglio e cipolla non vi costerà di più. La preparazione può richiedere un po' più di tempo, ma se si guadagna abbastanza, si può usare per accompagnare altri pasti durante la settimana.

Infine, non esitate a condire la pasta con erbe aromatiche ed erbe fresche: potete mettere una manciata di basilico in un primo piatto con salsa alla bolognese, oppure un mazzetto di menta in un'insalata di pasta fredda con melone, prosciutto di Parma e mozzarella. In questo modo si aggiunge sapore al piatto di pasta senza aumentarne il contenuto calorico. In ogni caso, non dimenticate di concedervi un trattamento!

Prodotti sostenibili ed
eco-responsabile
Soddisfatti o rimborsati
Consegna gratuita a partire
da 69 €
Restituzioni facili e gratuite
Imballaggio riciclabile
e compostabile
Sito e pagamento
sicuro