Zero waste : negozio di prodotti ecoresponsabili e riutilizzabili

(8h30-18h30 da lunedì a venerdì)
  1. Home
  2. Negozio Zero Déchet
  3. Bellezza/Igiene
  4. Spazzola per capelli

Spazzola per capelli

Lo stesso vale per la spazzola per capelli come per qualsiasi altro oggetto di uso quotidiano: meno plastica c'è, più è ecologica. Ma è chiaro che la plastica ha invaso i nostri bagni, dai flaconi dello shampoo agli accessori per l'igiene. Come si sceglie una spazzola per capelli ecologica? Quali sono i criteri da prendere in considerazione?

Cos'è una spazzola per capelli ecologica?

Affinché una spazzola per capelli sia ecologica, deve prima di tutto non essere fatta di plastica. Tuttavia, alcuni marchi propongono modelli in plastica riciclata: si tratta di un'ottima iniziativa che dà una seconda vita a un materiale che sta per diventare un rifiuto.

Un'altra possibilità è rappresentata dai materiali naturali. Oltre ad essere eleganti e robuste, le spazzole per capelli in legno sono ecologiche, soprattutto quando il legno proviene da foreste europee e i prodotti hanno il marchio FSC. Questa etichetta, il "Forest Stewardship Council", è disponibile in tre versioni:

  • Il marchio FSC 100%: questa menzione indica che il prodotto è stato realizzato al 100% con fibre provenienti da foreste certificate FSC (in cui, tra gli altri criteri richiesti per ottenere il marchio, vengono rispettati gli ecosistemi e la biodiversità, oltre ai diritti dei lavoratori).
  • L'etichetta FSC Recycled certifica che il prodotto è stato realizzato con fibre riciclate al 100%. Questa certificazione si applica ai prodotti di carta e legno.
  • L'etichetta FSC Mixed indica che il prodotto è stato fabbricato con il 70% o più di fibra proveniente da foreste certificate FSC e contiene un massimo del 30% di fibra riciclata.

Ci sono anche spazzole per capelli fatte di trucioli di legno o cartone. Alcuni modelli sono anche biodegradabili, il che è un ulteriore vantaggio.

Per quanto riguarda le setole, ci sono diverse possibilità: setole animali, come le setole di cinghiale e di maiale, setole vegetali con sisal in particolare, o setole sintetiche. Quest'ultima opzione non è la più ecologica, ma tutto dipende dall'origine delle setole.

Favorire i cortocircuiti

L'impatto del carbonio di un prodotto non è limitato al materiale utilizzato, ma dipende anche dal luogo in cui viene fabbricato. Più ci si allontana dal punto vendita, maggiore è l'impronta di carbonio. Pertanto, una spazzola per capelli ecologica sarà preferibilmente prodotta in Italia o anche in Europa.

Il no poo, un concetto ecologico

Avete sentito parlare del no poo, una tendenza importata dagli Stati Uniti e che attrae molte persone in Europa? Il no poo è l'abbreviazione della parola inglese "no shampoo". È un concetto incentrato sia sull'ecologia che sul benessere naturale, che consiste nel fare gradualmente a meno dello shampoo industriale e "svezzare" gradualmente i capelli da tutte le sostanze chimiche che questi cosmetici contengono.

Solfati, siliconi, parabeni, tutte queste molecole possono avere effetti nocivi sulla salute, e più localmente causare irritazioni e persino allergie. Inoltre, i siliconi hanno un doppio effetto: rivestono il capello e lo fanno brillare, dandogli un aspetto sano e pulito, ma in realtà formano una pellicola che soffoca le fibre del capello. Queste sostanze attaccano i capelli, che in reazione producono più sebo per proteggersi, portando a shampoo più frequenti per rimuovere questo sebo in eccesso... Un vero e proprio circolo vizioso.

Per ovviare a questo problema, no poo consiste prima di tutto nel distanziare il più possibile gli shampoo, per svezzare gradualmente i capelli da queste molecole accumulate nel corso degli anni, sostituendo poi gli shampoo con prodotti naturali come il rhassoul, l'argilla verde o l'amido di mais per rimuovere l'eccesso di sebo. I capelli, che non sono più esposti ai prodotti aggressivi contenuti negli shampoo industriali, rimangono puliti molto più a lungo.

Nell'ambito di questo processo, si raccomanda di spazzolare accuratamente i capelli, mattina e sera, per almeno un minuto ogni volta, utilizzando idealmente una spazzola di setole di cinghiale. L'obiettivo è quello di distribuire bene il sebo su tutta la superficie, dalle radici alle estremità, per permettere al cuoio capelluto di respirare e proteggere le lunghezze.

Quale spazzola scegliere per gli amanti del no poo?

Le spazzole di setole di cinghiale sono altamente raccomandate, ma non sono adatte ai vegani, che possono optare per le spazzole di setole vegetali, come ad esempio le spazzole in sisal. Le setole di cinghiale sono molto popolari perché le loro setole contengono cheratina, proprio come i nostri capelli, e quindi trattengono particolarmente bene sebo e impurità. Fanno risplendere i capelli e non li elettrificano.

Quale spazzola per quale tipo di capelli?

La scelta della spazzola, al di là dei criteri ecologici, dipende anche dal tipo di capello a cui è destinata.

  • Per i capelli fini, le spazzole di setole di cinghiale sono ideali perché si districano e si acconciano molto delicatamente, senza il rischio di rompere la fibra del capello.
  • Per i capelli spessi si consigliano le spazzole con le punte: catturano il capello e lo districano in profondità. Poiché i perni sono distanziati, la natura dei capelli è rispettata.
  • Lo stesso principio vale per i capelli ricci o crespi, per i quali è ideale un pettine di legno a denti larghi. I denti distanziati permettono al pettine di penetrare nei capelli senza il rischio di rompere le fibre.

Spazzola o pettine, qual è l'accessorio più adatto?

Per i capelli ricci o crespi, come abbiamo visto, i pettini a denti larghi sono perfetti e più adatti delle spazzole. Per i capelli lisci, i pettini con denti più stretti hanno il vantaggio di districarsi in profondità. Possono anche essere utilizzati per modellare un'acconciatura, per tracciare con precisione una riga o per applicare prodotti per la cura. Per gli uomini, possono essere utilizzati anche per lo styling della barba.

I benefici della spazzolatura dei capelli

Lo spazzolamento è un gesto essenziale per la salute dei nostri capelli, che deve essere preso sul serio quanto lo spazzolamento dei denti (e può essere fatto anche poco prima o poco dopo, mattina e sera, per non dimenticare). Perdiamo in media tra i 50 e i 100 capelli al giorno. Non tutto cade naturalmente, e la spazzolatura aiuta a rimuoverlo e a far respirare i capelli.

Serve anche a liberare il cuoio capelluto da cellule morte, polvere e altre impurità, a distribuire bene il sebo per proteggere le lunghezze e a stimolare la microcircolazione del cuoio capelluto. Spazzolati bene, i capelli sono meno grassi, meno fragili e il cuoio capelluto è più sano.

Come spazzolare bene i capelli?

È importante spazzolare i capelli due volte al giorno: al mattino per dar loro forma, morbidezza e volume, e la sera per rimuovere le impurità. Attenzione a non spazzolare mai i capelli bagnati: poiché i capelli sono più pesanti quando sono bagnati, c'è un rischio maggiore di rottura. È comunque possibile districarlo con un pettine a denti larghi.

Quando i capelli sono asciutti, potete spazzolarli a testa in giù per dargli volume e renderli più facili da districare. Si parte dalla nuca fino alla fronte e poi dai lati fino alla sommità della testa. Non enfatizzare troppo le radici, perché questo può stimolare la produzione di sebo. Fate anche attenzione a non tirare i nodi, per non rompere i capelli. Procedere filo per filo, se necessario. La spazzolatura dovrebbe durare circa un minuto.

Come si pulisce la spazzola o il pettine?

Polvere, sebo, resti di prodotti cosmetici, spazzole e pettini devono essere puliti regolarmente per evitare di diventare più dannosi che benefici. Una volta alla settimana, passate il pettine sulla spazzola per rimuovere tutti i capelli, poi togliete i capelli dal pettine con le dita. Immergere la spazzola e il pettine in una miscela di acqua e sapone liquido delicato per 30 minuti a 1 ora. Sciacquare e lasciare asciugare bene prima di riporre.

Una volta al mese, potete pulirli più accuratamente: mescolate in un recipiente adatto l'aceto bianco in parti uguali e l'acqua calda e immergetene la spazzola e i pettini. Lasciare in ammollo per due ore. È possibile sostituire l'aceto con 4 cucchiai di bicarbonato di sodio e lasciare in ammollo per tutta la notte. Risciacquare, asciugare: le spazzole e i pettini sono come nuovi! In ogni caso, leggere le istruzioni fornite dal produttore per i consigli di manutenzione.

Prodotti sostenibili ed
eco-responsabile
Soddisfatti o rimborsati
Consegna gratuita a partire
da 69 €
Restituzioni facili e gratuite
Imballaggio riciclabile
e compostabile
Sito e pagamento
sicuro