Zero waste : negozio di prodotti ecoresponsabili e riutilizzabili

(8h30-18h30 da lunedì a venerdì)
  1. Home
  2. Shop
  3. Marques
  4. Monbento

Monbento

Per molto tempo, a pranzo, si poteva prendere un Tupperware o una ciotola di metallo che non era proprio glamour. Spesso era complicato riunire più prodotti nello stesso contenitore. Monbento, una giovane impresa proveniente dalla regione francese dell'Alvernia, viene a rispolverare questo oggetto offrendo bentos.

Due fondatori all'origine del progetto

L'idea dell'azienda è nata nella mente dei due fondatori: Émilie Creuzieux e Fabien Marret, dopo un viaggio in Australia. Entrambi sono stati sedotti da una nuova forma di ristorazione. Una cucina biologica, semplice e sana. Una volta tornata in Francia, Emilie Creuzieux era spesso in viaggio e aveva poco tempo per mangiare. Da parte sua, Fabien Marret stava lavorando a un progetto bento. In quel momento, la giovane donna decise di usare un bento e fu totalmente affascinata. Altre persone intorno a lei le hanno detto che anche loro si trovano ad affrontare lo stesso problema e che vorrebbero avere un lunch box. Émilie e Fabien decidono di intraprendere l'avventura. Questo è l'inizio di una storia di grande successo.

Venne sviluppato un primo modello che rese rapidamente famosa l'azienda. Era un bento: un contenitore a due livelli che può essere chiuso con un elastico. Questa scatola giapponese può contenere un antipasto, un piatto principale e persino un dessert.

Il prodotto ha molti vantaggi: è impermeabile, può essere messo nel microonde ma anche in lavastoviglie. La scatola ha 2 contenitori ermetici e una piastra divisoria rimovibile. In questo modo, il cibo è perfettamente separato e la scatola può essere facilmente trasportata. È davvero il compagno perfetto per i pranzi sul posto di lavoro, i picnic o le serate davanti alla TV a guardare i programmi televisivi. Prodotto in plastica di alta qualità e resistente, la scatola è davvero resistente. Le scatole sono realizzate in plastica PBT e sono quindi garantite senza bisfenolo A. Il PBT è un polimero resistente al calore.

Un prodotto nello spirito dei tempi

In breve, è molto pratico e rispettoso dell'ambiente. Negli ultimi anni sono state approvate molte leggi per vietare la plastica monouso. La plastica è la causa di una grande quantità di inquinamento nei mari e negli oceani. La parola d'ordine in molti paesi, tra cui la Italia, è ridurre l'uso della plastica. Sono state approvate diverse leggi per vietare la vendita di alcuni prodotti di plastica monouso, come posate e piatti di plastica. Il bento è davvero di moda e soddisfa molte esigenze.

Una parte della produzione è stata trasferita in Francia

Dal suo lancio, Monbento vende i suoi prodotti solo in rete e costruisce una comunità di fan. Progettate in Francia, le bentos sono prodotte in Cina per motivi di costi di produzione. Alla fine del 2017, la società Monbento, la cui sede centrale si trova a Clermont-Ferrand, ha deciso di trasferire parte della sua produzione nel reparto Ain. Il marchio ha così ridotto la sua impronta di carbonio. Perché questa scelta? Perché le aziende hanno trasformato i loro sistemi di produzione e ridotto i costi. Sono più competitivi. Le Bentos sono ora vendute a circa 35 €.

Forte crescita

Fin dalla sua creazione, l'azienda produce bentos, un utensile ispirato alla cultura giapponese. Per diversi anni le unità di produzione hanno avuto sede in Cina. È stata una decisione forte del marchio quella di rimpatriare parte della sua produzione. In effetti, questo ha portato a un aumento del 10% del prezzo di vendita, ma è stata una scelta che è stata fatta dai dirigenti dell'azienda. L'azienda ha registrato una forte crescita negli ultimi anni. I prodotti del marchio sono oggi ampiamente distribuiti in molti negozi e una vasta rete di rivenditori commercializza i bentos e gli altri prodotti del marchio.

Uno sviluppo internazionale

Oggi il Monbento raggiunge un fatturato di 8 milioni di euro e impiega circa 30 persone. Oggi la produzione a ¾ viene esportata in oltre 70 paesi in tutto il mondo. Un vero e proprio sviluppo internazionale. Ad esempio, il Monbento sta vendendo molto bene in Cina. L'aspetto innovativo dei prodotti si rivolge ai consumatori, soprattutto ai giovani. Il mercato giapponese, dove la scatola ha un posto di scelta, non è ancora stato investito. In diversi paesi europei come la Germania, il Belgio o la Svizzera, c'è un vero successo. Monbento produce più di un milione di bento all'anno. Il marchio ha addirittura lanciato un'edizione molto qualitativa, in parte fatta a mano, in Auvergne. Al cinema, nell'ultimo Blade Runner con Ryan Gosling, c'è persino una scena in cui l'attore americano consuma il suo pasto in un cestino da pranzo del Monbento. Una vera e propria consacrazione internazionale per il marchio francese.

Una produzione che sta diversificando

L'azienda ha inoltre diversificato la sua produzione con diversi oggetti: contenitori, posate, ma anche bottiglie isotermiche. C'è anche una gamma di prodotti dedicati ai bambini, con articoli molto estetici e colorati. Sui social network, il marchio presenta molti nuovi prodotti che si rivolgono a un pubblico sempre più vasto. Ci sono anche i bentos in legno: il top della gamma, quindi i prezzi sono un po' più alti. I bentos sono stati rivestiti con una vernice alimentare. Non possono essere messi in lavastoviglie o nel microonde. Il marchio vuole promuovere un'immagine ecologica, zero sprechi, basata su cibi sani. Il marchio sta affrontando una crescita molto rapida e deve adattarsi e non diffondersi troppo.

Prodotti sostenibili ed
eco-responsabile
Soddisfatti o rimborsati
Consegna gratuita a partire
da 69 €
Restituzioni facili e gratuite
Imballaggio riciclabile
e compostabile
Sito e pagamento
sicuro